salta al contenuto

Gratuito patrocinio civile

E’ un istituto che vale per il giudizio sia in materia contenziosa che di volontaria giurisdizione e consente alla persona non abbiente (reddito imponibile non superiore a € 11.369,24 ultimo aggiornamento) di ottenere la nomina di un avvocato e la sua assistenza a spese dello Stato. Tuttavia, se la parte ammessa al beneficio perde la causa, non può utilizzare il beneficio del patrocinio gratuito per proporre impugnazione, ma deve riproporre la domanda.
Possono usufruire  del servizio  i cittadini italiani nonché i cittadini comunitari ed extracomunitari
Nel settore civile, la richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato deve essere presentata al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del luogo dove ha sede il magistrato davanti al quale pende il giudizio; del luogo ove ha sede il magistrato competente, se il processo non è in corso
La domanda  deve essere sottoscritta esclusivamente e personalmente dall’interessato, con firma autenticata dal difensore o dal funzionario che riceve la domanda; la domanda deve contenere la richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, l’indicazione del processo cui si riferisce, le generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza) ed il codice fiscale del richiedente e dei familiari conviventi. Si deve dichiarare sotto la propria responsabilità che si è nelle condizioni di reddito richieste dalla legge e specificare il reddito totale. Occorre anche impegnarsi a comunicare le variazioni di reddito successive alla presentazione della domanda.
Documenti da allegare alla domanda: nessuno per i cittadini italiani, che possono autocertificare l’esistenza dei requisiti di legge. I cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea devono allegare una certificazione del consolato del paese di origine che confermi la veridicità del reddito dichiarato.
Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, entro 10 gg. dalla presentazione, decide se respingerla o ammettere la parte in via anticipata e provvisoria: in caso di rigetto, è possibile ripresentare l’istanza al giudice competente. La decisione di ammissione viene comunicata all’interessato, al giudice competente ed all’Ufficio Finanziario competente per la verifica del reddito; in caso di discordanze, è possibile chiedere al magistrato la revoca del beneficio e gli atti sono trasmessi alla Procura della Repubblica competente.
Effetti  dell’ammissione : tutte le spese vengono prenotate a debito.
L’ammesso al patrocinio può nominare un difensore di sua scelta iscritto negli elenchi degli avvocati per il patrocinio a spese dello Stato

Fax:  075/5405231

Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al sabato orario 8-13
 

Composizione dell’Ufficio Gratuito Patrocinio

No result found